BMW S 1000 RR 2019: la supersportiva dell’elica avrà 207 cavalli?

Gli appassionati dell'elica scalpitano. Dopo aver sperato di vedere la nuova BMW S 1000 RR ad Intermot (di cui abbiamo pubblicato alcune indiscrezioni), dove invece la casa bavarese ha presentato la R 1250 GS  e la R 1250 RT, è questione di attendere ancora una settimana, quando cioè i cancelli di EICMA 2018 si apriranno e l'arma di Monaco per il segmento delle supersportive sarà finalmente svelata.

L'attesa è per la linea, che si annuncia più snella e filante rispetto al modello che va a sostituire, ma anche, per non dire soprattutto, per il motore, capace di rivoluzionare il segmento all'uscita della prima versione e da cui gli estimatori del marchio tedesco ed il mercato delle supersportive in generale si attendono la stessa cosa per il my 2019.

Come sempre in Baviera le bocche sono cucite e, fino al 6 Novembre, data di apertura della kermesse milanese, bisogna affidarsi a più o meno volute fughe di notizie, piuttosto che da indiscrezioni realmente uscite dal R&D di BMW, per cercare di comporre il quadro di quella che sarà certamente una delle regine del salone milanese. Il trend è quello noto, vale a dire quell'aumento delle performance, cosa che per la sportiva bavarese significa inevitabilmente infrangere quel muro dei 200 cavalli che era stato lambito dall'ultima versione del vecchio modello, fermatasi a quota 199.

Per il resto, inutile negare che il riferimento sia la Ducati Panigale V4, forte però di una cilindrata di 1100 cc (almeno per le versioni standard ed S, con la V4 R, dotata del motore da 1 litro che sarà anch'essa svelata ad EICMA 2018). Iniziali indiscrezioni sembravano suggerire che la nuova S 1000 RR potesse disporre di 217 cavalli. A gettare un po' di acqua sul fuoco ci pensa un documento diffuso in Rete, anche in questo caso assolutamente non ufficiale, che riporterebbe tutte le caratteristiche della nuova quattro cilindri in linea tedesca.

Si parte dalla conferma della cilindrata, rimasta invariata (999 cc, anche se non vengono indicate le misure di alesaggio e corsa), per andare ai valori che maggiormente colpiscono gli appassionati, vale a dire potenza e coppia che, in questo caso, si attesterebbero a quota 207 cavalli a 13500 giri per 113 Nm a 11000 giri, vale a dire 8 cavalli in più rispetto ad oggi, mentre per la coppia non ci sarebbero variazioni con, anzi, un innalzamento del regime di 500 giri, il tutto ovviamente già compatibile con le normative Euro 5 che entreranno in vigore nel 2020.

Posto che questi dati si prestino a più di un dubbio, sono anche altri numeri, ad essere potenzialmente interessanti, a cominciare da quelli relativi al peso, che si attesterebbe a 197 kg per la versione standard, con la possibilità di scendere a 193,5 con l'adozione di componenti che appartengono all'M Package (con l'ovvio riferimento a M GmbH, la divisione sportiva della casa dell'elica).

Sempre secondo il documento, crescerebbe, anche se di poco, l'altezza da terra della sella, da 815 a 824 mm (con la possibilità di avere una "sella bassa" da 814 mm ed una "alta" da 849), mentre diminuirebbe di un litro la capacità del serbatoio, che passerebbe dagli attuali 17,5 litri a 16,5. Sul piano dell'elettronica potrebbe arrivare l'HSC (Hill Start Control, alias il sistema di assistenza alla partenza in salita) che già equipaggia la K 1600. A questo punto non resta che iniziare il count-down verso il 6 di Novembre.