Casey Stoner: Wayne Rainey lo vuole nel campionato MotoAmerica 2019

Dopo aver fatto risorgere il campionato delle derivate di serie USA dando vita, dalle ceneri dell'AMA Superbike, a MotoAmerica, Wayne Rainey, tre volte campione del mondo 500 nel Motomondiale e due volte titolato proprio nella Superbike a stelle e strisce, prosegue nel far crescere la sua creatura puntando sulla popolarità dei piloti che partecipano alla serie, tra i quali, nel 2019, potrebbe addirittura esserci Casey Stoner.

Per adesso si tratta solamente di un rumour, rilanciato dai colleghi di Morebikes e secondo il quale, incassato il no di Marco Melandri, che agli Stati Uniti ha preferito il mondiale WSBK 2019 con il team GRT, Rainey starebbe cercando di portare oltreoceano l'asso australiano che, a fine estate, è stato svincolato da Ducati dall'incarico di special tester e brand ambassador.

Non si conoscono i dettagli dell'operazione che sembrerebbe essere in procinto di tentare Rainey e che potrebbe riguardare una o più wild card per il canguro mannaro, piuttosto che una offerta per disputare l'intero campionato, che si articola su dieci prove. Stoner in passato è già stato vicino ad un ritorno in gara, sia nel periodo in cui era collaudatore per Honda che in quello in cui lo era per la casa bolognese ma, per un motivo o per l'altro non se n'è mai fatto nulla.

Se la cosa si realizzasse, avrebbe certamente un impatto mediatico clamoroso, anche se sconfesserebbe quanto affermato da Stoner in ogni occasione, dopo il suo ritiro, nella quale gli è stato chiesto se intendesse tornare alle competizioni. Considerando infatti che l'australiano si è ripetutamente definito felice della sua attuale condizione, senza l'assillo di gare, test e preparazione, con la lontananza da casa e dalla famiglia che ne consegue, appare difficile che l'operazione di Rainey possa andare in porto, anche se tutti gli appassionati si augurano che questa previsione sia sbagliata.