Il Ducati World di Mirabilandia si sta rivelando un Flop Colossale

Costata circa 25 milioni di euro, l’attrazione Ducati World, su cui Mirabilandia decise di investire tempo fa, si sta rivelando un flop colossale. Sin dalla sua genesi, aveva sollevato qualche dubbio fra gli addetti ai lavori sia per quanto riguardava il design generale sia per quanto riguardava la “Desmo Race”, la peculiare attrazione di punta, che prevede una modalità di utilizzo da parte dei visitatori del parco molto particolare. Infatti, è permesso a sole quattro persone di poter fruire contemporaneamente del “circuito”. I dubbi iniziali pare si siano concretizzati nei primi mesi di apertura. Pare che la direzione del parco sia stata inondata di lamentele così come i vari canali social.

Il malcontento del pubblico può essere riassunto così:

  • L’intero progetto Ducati World è stato rivisto al ribasso. Le attrazioni per bambini non sono state ritenute all’altezza. Si è pensato di inserire due “flat ride”, Diavel Ring e Kiddy Monster, nell’area ad oggi non particolarmente apprezzate. La prima è stata ritenuta non “entusiasmante” mentre la seconda è parsa molto simile ad un elemento già esistente all’interno del parco e ben fatto che si chiama Aquila Tonante.
  • I simulatori all’interno dell’edificio principale sono a pagamento (costo fino a € 10) e la qualità pare non essere particolarmente elevata rispetto a quanto disponibile ad oggi sul mercato.
  • L’attrazione denominata “La 24 ore di Mirabilandia” altro non è che un “circuito forzato”, costituito da un anonimo insieme di lamiere, in cui si circola con delle Ducati Scrambler imperniate su dei supporti che sicuramente non coinvolge il visitatore e stona con il concept dell’attrazione mostrato all’esterno.
  • Il Desmo Race, attrazione di punta, grazie all’innovativa, ma complessa idea, che permette di poter variare la velocità dei mezzi in autonomia, ha presentato numerosi problemi di gestione che, non solo hanno prodotto un ritardo dell’inaugurazione, ma anche ad una serie di blocchi importanti dell’impianto durante il funzionamento che si sono protratti anche per diversi giorni.  Ad oggi la possibilità di utilizzare la “giostra” risulta sospesa sino a data da destinarsi.

Speriamo che tutti i problemi si possano risolvere in breve tempo così da permettere al parco di riuscire a lanciare propriamente questa area tematica pensata e realizzata sia per pubblicizzare Mirabilandia sia un importante marchio come Ducati.