La MotoGP ricorda Nicky Hayden, ritirato ad Austin il numero 69

Austin – nella cornice del Gran premio delle Americhe si è tenuta, a quasi due anni dalla sua scomparsa, la cerimonia ufficiale di ritiro del numero 69 dalla classe regina che ora apparterrà per sempre a Nicky Hayden.

Con una conferenza stampa e una commovente cerimonia la MotoGP ha ritirato dalla classe regina il 69, consegnandolo alla sua famiglia,  Nicholas era già stato inserito nella hall of fame MotoGP con il titolo di legend nel 2015, ultimo anno del fuoriclasse americano nella massima classe.

E' lo stesso Carmelo Ezpeleta a spiegare la decisione “Da quando l’abbiamo perso in quell’incidente in Italia abbiamo pensato a qualcosa di speciale per lui. Il rapporto con lui, il suo apporto alla categoria sono stati fantastici. Abbiamo deciso infine, d’accordo con la famiglia, di ritirare il 69, il numero che rimarrà sempre di Nicky Hayden.”

Tommy Hayden, fratello maggiore di Nicky “Nicky amava la MotoGP, adorava le piste e ha lasciato una forte impronta in questo campionato, così come nei fan. Il 69 ha fatto parte della famiglia da sempre, da mio padre a vari parenti, a me, mio fratello e le mie sorelle, che abbiamo corso anche con quel numero. Ringrazio tutte le persone coinvolte in questo evento.”

Ultimo a prendere la parola Jorge Viegas, Presidente FIM: “Non mi piacciono queste cerimonie e vorrei che cose del genere non accadessero mai. Quando Dorna ha proposto di ritirare questo numero magico, non abbiamo esitato. Perché ci sono alcuni riders, indipendentemente dal numero di titoli, che significano qualcosa di speciale. Tutti noi soffriamo della malattia di amare le corse motociclistiche e alcuni rimarranno nei nostri cuori per sempre. Nicky è uno di loro.”

Hayden esordì in MotoGP nel 2003, nel team Repsol come compagno di Valentino Rossi, finendo due volte sul podio. Nel 2005 la sua prima vittoria a Laguna Seca, preludio di quello che sarà l'aano della consacrazione; nel 2006, in testa al campionato dal terzo gran premio al penultimo venne trascinato fuori pista da Daniel Pedrosa suo compagno di squadra, così Rossi si portò in testa alla classifica iridata. All'ultimo Gran Premio della stagione a Valencia, Rossi scivola nel tentativo di rimontare e Hayden, giunto terzo, diventa campione del mondo.

La Honda RCV211 con cui ha fatto l'impresa è stata esposta al COTA per l'occasione. Nel lungo weekend presentata anche una Panigale V4 Hayden Tribute, all'asta su eBay il 1 agosto.