L’Enduro italiano festeggia i suoi campioni

Un appuntamento ormai tradizionale quello di fine anno con le premiazioni dei Campioni Italiani Enduro che ha visto riuniti sabato 2 dicembre, a Treviso, i migliori piloti di specialità per la consegna ufficiale delle medaglie conquistate sui campi gara in questa stagione. Dopo aver lottato su tutti i tipi di terreni e in ogni condizione meteo, da Sud a Nord dell’Italia, da febbraio a ottobre scorso, gli atleti dell’offroad italiano hanno celebrato i traguardi raggiunti in questo duemiladiciassette in un clima di festa e serenità insieme ad appassionati, addetti ai lavori, team, case e sponsor del settore.

A celebrare i campioni nazionali anche alte cariche dello Stato, quali l’Onorevole Roger De Menech della I Commissione Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni e il Generale di Brigata Donato Monaco.
Ad aprire la cerimonia i saluti ufficiali del Presidente FMI Avv. Giovanni Copioli – alla sua prima presenza a questa cerimonia in qualità di massimo esponente della FMI – introdotto sul palco da Giulio Gori, Responsabile dell’Ufficio Stampa FMI.

Gli onori di casa sono stati fatti da Tony Mori che con orgoglio ha illustrato quanto raggiunto nell’ultimo anno con l’attività politica in difesa della pratica dell’Enduro. Un percorso lungo ed impegnativo che ha visto la Federazione interfacciarsi in questi anni con il mondo istituzionale e non solo, per affrontare insieme tutte quelle tematiche relative al fuoristrada. Proprio in questo ambito è intervenuto l’On. Roger De Menech, parlamentare firmatario dell’emendamento per la modifica del Codice della Strada per quanto concerne l’uso della targa e la pratica del fuoristrada. L’On. De Menech ha sottolineato l’importanza della collaborazione tra istituzioni e federmoto, sia per la difesa della pratica sportiva sia per portare avanti tutte quelle iniziative di tutela del territorio come la pulizia dei boschi, la segnalazione di discariche e l’intervento in caso di calamità. E proprio in questo ambito sono intervenuti i rappresentanti della Protezione Civile Nazionale, in testimonianza della collaborazione tra i due enti, divenuta fondamentale purtroppo in occasione del terremoto che ha colpito il Centro Italia lo scorso anno.

A salire sul palco poi il Generale di Brigata Donato Monaco, che ha ricordato il percorso di collaborazione tra l’Arma dei Carabinieri e la Federazione, iniziata con la campagna Defend Life in difesa del diritto alla vita e giunta fino alla firma del Protocollo d’Intesa, avvenuta lo scorso giugno. Al termine dell’intervento, Tony Mori ha voluto rendere omaggio al Generale Monaco con la consegna di una statua in vetro lavorato a mano con rappresentata una strada, simbolo del percorso fatto insieme in questi anni.

Conclusa la parte istituzionale, un video con le immagini più belle della stagione ha aperto ufficialmente le danze delle premiazioni, precedute dal saluto del Promoter Maxim con Monica Mori che ha ringraziato chi ha reso possibile un altro anno fantastico dove si sono raggiunti importanti traguardi come l’aumento notevole delle visite all’interno del sito ufficiale dell’Enduro.

Insieme a Tony Mori, responsabile per Maxim delle relazioni esterne, hanno poi presentato un nuovo progetto per la prossima stagione denominato “EIC – Enduro in Compagnia” che raccoglie tutte le attività collaterali al mondo dell’Enduro e fine alle attività sociali quali la pulizia dei boschi, una giornata dedicata all’ambiente e altro ancora. Ogni Motoclub potrà inviare all’ ufficio stampa dell’Italiano Enduro tutta la documentazione (comunicato, foto) relativa all’attività svolta e la stessa sarà pubblicata in un’apposita area dedicata all’interno del nostro sito internet.

La parola è stata data successivamente al Coordinato del Comitato Enduro FMI, Franco Gualdi che ha illustrato le novità 2018 come il ritorno alle vecchie classi per un Enduro più semplice e di facile interpretazione, prima del via della consegna delle medaglie del Campionato Italiano Major Maxxis.

campionati italiani di specialità. Davide Guarneri (Assoluti d’Italia), Matteo Pavoni (Under23/Senior) e Fausto Scovolo (Major) si sono aggiudicati l’Airoh Aviator 2.2 consegnato da Gionni Fossati in rappresentanza della ditta bergamasca. I tre campioni dell’Enduro hanno poi premiato i piccoli vincitori del tricolore MiniEnduro Maxxis. A susseguirsi poi sul palco sono stati i protagonisti dei Campionati Italiani Enduro Maxxis Under23, Senior, Coppa Italia, Coppa FMI per concludere poi con gli Assoluti d’Italia.

Maxim ha voluto omaggiare, durante la cerimonia, il neo campione del mondo Youth Andrea Verona per questo grande risultato che ha portato il tricolore nazionale, anche per quest’anno, sul gradino più alto del podio del campionato iridato. Un plauso è andato anche a Davide Soreca per la determinazione che lo ha portato a lottare per il titolo mondiale della classe Junior fino all’ultima speciale.

Presenti a questa giornata di festa, che chiude ufficialmente la stagione 2017, il responsabile racing di Yamaha Italia Luca Lussana che ha commentato il primo anno del Challenge WR Yamaha Under23/Senior e Major e annunciato che il format sarà riproposto anche per il 2018, con naturalmente qualche novità, Fabio Mauri per Mauri Trafilerie, da sempre sponsor sostenitore dell’Enduro tricolore, Daniele Maletti Racing Manager di Pirelli SpA e Marcello Salvalajo, presente in qualità di rappresentante di Motocross Marketing e Maxxis Tyres che, oltre a premiare i campionissimi degli Assoluti d’Italia, ha consegnato nelle mani di Alex Salvini il premio “X-CUP Maxxis – Galfer” come miglior pilota delle prove estreme. Il pilota bolognese, che si conferma per la terza volta consecutiva Re delle Estreme, si è portato a casa una bottiglia magnum di Prosecco Toffoli insieme al simpatico orsetto “Battista l’Endurista”, mascotte ufficiale del campionato.

Ad accompagnare le varie fasi della giornata le voci di Francesco Nadile e Elisabetta Caracciolo  e la clip del videomaker Marco Benedetti.

Nella foto da sinistra: Tony Mori, Presidente FMI Avv. Giovanni Copioli, On. Roger De Menech, Gen. Donato Monaco, rappresentanti Protezione Civile Nazionale