Prova in pista: Ducati 959 Panigale e Michelin Power RS

Il 22 e il 23 Aprile scorso, sul circuito di Misano si sono tenuti i Michelin Days, durante i quali abbiamo provato la Ducati 959 Panigale gommata con i pneumatici POWER RS che avevo già testato personalmente a Losail il mese scorso sulla sorella maggiore 1299 e di cui vi fornisco le mie impressioni, derivanti da una intensa due giorni, dove ho potuto saggiare la bicilindrica bolognese in una dozzina di turni complessivi.

La posizione di guida è comoda per una sportiva in quanto i semimanubri sono piuttosto larghi, con la moto che risulta essere accogliente per piloti di ogni tagli ed il cupolino che protegge bene anche alle alte velocità. Fin dal primo giro di pista mi sono trovata subito a mio agio. I 9 cavalli in più che ha rispetto alla 899 si sentono, quando si apre il gas, con il motore che spinge di più fin dai bassi regimi e mantiene questo vantaggio lungo tutto l'arco di erogazione.

ducati-959-test-simona-pastrone-daidegas-track-2

Il cambio elettronico è molto morbido e preciso, basta un tocco lieve per fare entrare le marce. Anche la frizione è molto morbida, dettaglio tutt'altro trascurabile e che ha consentito di non aver il minimo fastidio alla mano sinistra anche dopo un tour de force come quello di Misano dove, le marce, dopo averle messe con il quickshift, bisogna anche scalarle manualmente!

La 959 Panigale è una moto bilanciata e leggera tra le gambe e la confidenza che da nella guida è immediata. In curva è agile e reattiva, così come sul veloce è stabile e precisa in traiettoria. I 7kg in più rispetto alla 899 risultano inavvertibili. Il motore spinge forte, senza essere mai brusco e possiede un allungo degno del nome Superbike che Ducati ha dato alla Panigalina, specie quando si utilizza la mappa Race.

I freni sono ottimi e molto potenti, e consentono staccate decise ed efficaci. L'ottimo bilanciamento complessivo consente di entrare in curva con la leva in mano senza alcuna indecisione. Il freno motore, regolabile tramite il setup di bordo fino al suo azzeramento, non è mai eccessivo, così come il traction control.

In sintesi, la 959 sarebbe promossa a pieni voti, se non fosse per un unico piccolo neo che ho riscontrato durante il test e che riguarda la sella, che è scivolosa e porta a dover esercitare molta pressione sulle pedane per non perdere l'assetto in sella. Nessun grosso problema comunque, dal momento che basta sostituire il rivestimento con un materiale che faccia più tenuta.


Per quanto riguarda gli pneumatici, la 959 Panigale che abbiamo provato a Misano era equipaggiata con i POWER RS di Michelin che avevo avuto già il piacere di provare il mese scorso sulla 1299 sul circuito di Losail. Durante questi due giorni a Misano ho avuto la conferma dell'ottima impressione che mi ero fatta in Qatar, impressione che si è rafforzata notevolmente in quanto, avendo avuto due giorni per girare, ho potuto osare un pò di più rispetto alla volta precedente, dal momento che avevo memorizzato bene la pista e acquisito un buon feeling con la moto (a dire il vero quest'ultimo è stato immediato!)

Entravo in pista senza usare le termocoperte e un giro era sufficiente per scaldare le gomme; i POWER RS scendono in piega in un lampo e hanno davvero una tenuta eccezionale. Non vi è mai stato un attimo in cui abbia percepito che potessero avere un cedimento. Una volta portate in temperatura le gomme, alzare il ritmo sulla 959 è stato facilissimo, soprattutto con l'elettronica che fa da rete di salvataggio. Confermo pertanto l'impressione che questi pneumatici siano paragonabili ad alcune gomme in mescola non omologate solo per pista.

Info

Luogo: Misano Marco Simoncelli World Circuit (Italia)

Si ringrazia Ducati Motor Holding S.p.A. per aver messo a disposizione la 959 Panigale oggetto della prova ed i partner per l'equipaggiamento elencato di seguito.
Tuta: Gimoto
Casco: X-Lite 802RR Ultra Carbon
Stivali: TCX RT-Race
Guanti: Gimoto GP5
Occhiali da sole: Nolan

Partecipa alla discussione sul Forum.

ducati-959-test-simona-pastrone-daidegas-static-9