Superbike: Jonathan Rea ha firmato per Kawasaki fino al 2020

Con un video girato nel box insieme ai suoi tecnici ed alla Kawasaki Ninja che gli ha portato tre titoli mondiali consecutivi e lo vede attualmente in testa alla classifica con 65 punti di vantaggio sul secondo, Jonathan Rea ha ufficializzato il rinnovo del contratto con la casa di Akashi per i prossimi due anni, nei quali sarà ancora in sella alla ZX-10RR.

La notizia mette così fine alla ridda di voci che volevano il nordirlandese interessato alla MotoGP, così come alla V4 Superbike che verrà impiegata in gara da Ducati il prossimo anno. Il folletto volante di Ballymena, reduce da un sabato di gara esaltante a Brno, dove con la vittoria, ha stabilito il nuovo record di successi, 60, di un pilota un Superbike, ha dovuto rinunciare a tentare di allungare la sua striscia nella seconda manche, a causa di una uscita di pista e conseguente caduta nella ghiaia.

Il rinnovo del contratto, di cui non sono al momento noti i termini, consentirà a metà box del KRT, quello che lavora con Rea, di concentrarsi sulle sei gare del mondiale che mancano alla fine del campionato. Nonostante le limitazioni imposte dal regolamento, il pilota della Kawasaki numero 1 sta facendo la differenza rispetto ai colleghi.

Stante il fatto che Rea ha sempre affermato di voler correre in contesti dove poter lottare per la vittoria (lo aveva ribadito anche in ottica MotoGP, dicendo che non sarebbe andato in un team minore solo per far numero in griglia), Kawasaki deve aver evidentemente dato al pilota nordirlandese le garanzie di un progetto solido per il prossimo biennio, cosa che potrebbe anche portare la casa di Akashi a rinnovare la moto, ma soprattutto il motore sul mezzo di serie, per recuperare il gap di potenza a cui le norme 2018 hanno costretto gli uomini in verde a rinunciare ad inizio stagione.