Superbike, Magny-Cours 2017: pole di Rea sotto il diluvio, Mercado 2°

Il meteo ci mette del suo, a Magny-Cours, nella superpole del GP di Francia di Superbike, terz'ultimo appuntamento del mondiale 2017 e rimescola le carte, al punto che la Aprilia RSV4 del team Ioda Racing con in sella Tati Mercado è riuscito ad issarsi fino al secondo posto. Fa forse più notizia questo piazzamento dell'argentino, con una moto non ufficiale, che non la pole di Johnny Rea.

Il nordirlandese della Kawasaki, che aveva già guidato le libere di ieri, nelle FP3 della prima mattinata aveva letteralmente dominato la sessione, rifilando distacchi abissali a tutti gli altri (2.873" a Camier, secondo classificato) e si è ripetuto nella SP2. Il pilota della Ninja numero 1 è stato prima vittima di una caduta senza conseguenze nella prima parte della qualifica, salvo poi salire in cattedra nei minuti finali e stampare un 1'56.555 che gli permetterà di partire al palo in Gara-1, oggi alle 13, dove proverà a chiudere il discorso mondiale a suo favore.

Alle sue spalle, come si diceva, Mercado (1'57.758, +1.203), quindi Tom Sykes, con l'altra ZX-10RR ufficiale (1'58.088, +1.533) ed alle prese con un dito operato due settimane fa, seguito da Xavi Forés (Ducati Barni, 1'58.447, +1.892) ed Alex Lowes (Yamaha Pata, 1'58.719, +2.164). A ridosso della top-5 Davide Giugliano (Honda Ten Kate, sesto in 1'58.926, +2.371), davanti alla prima delle Ducati ufficiali, quella di Chaz Davies (1'58.936, +2.381), che ha preceduto Leon Camier (MV-Agusta, 1'59.377, +2.822), Eugene Laverty (Aprilia Milwaukee, 1'59.637, +3.082) e Michael van der Mark, (Yamaha Pata,  2'00.357, +3.802).

mercado-magny-cours-sp2-2017

Undicesimo tempo per Lorenzo Savadori, davanti a Marco Melandri, entrambi caduti durante la sessione, teatro di numerose altre scivolate. Fuori dalla Superpole Riccardo Russo (13°), Alessandro Andreozzi (17°), Raffaele De Rosa (19°) ed Ayrton Badovini (21°). Quest'ultimo, insieme a Matthieu Lussiana, è a rischio partecipazione in Gara-1 per i postumi di una caduta.

sykes-magny-cours-sp2-2017

Superbike, Magny-Cours 2017: risultati Superpole

1    REA Jonathan    Kawasaki ZX-10RR    1'56.555 
2    MERCADO Leandro    Aprilia RSV4 RF    1'57.758    +1.203 
3    SYKES Tom    Kawasaki ZX-10RR    1'58.088    +1.533 
4    FORÉS Xavi    Ducati Panigale R    1'58.447    +1.892 
5    LOWES Alex    Yamaha YZF R1    1'58.719    +2.164     
6    GIUGLIANO Davide    Honda CBR1000RR    1'58.926    +2.371 
7    DAVIES Chaz    Ducati Panigale R    1'58.936    +2.381 
8    CAMIER Leon    MV Agusta 1000 F4    1'59.377    +2.822 
9    LAVERTY Eugene    Aprilia RSV4 RF    1'59.637    +3.082     
10    VAN DER MARK Michael    Yamaha YZF R1    2'00.357    +3.802     
11    SAVADORI Lorenzo    Aprilia RSV4 RF    2'04.679    +8.124     
12    MELANDRI Marco    Ducati Panigale R    2'05.173    +8.618 
13    RUSSO Riccardo    Kawasaki ZX-10RR                                                     
14    WEST Anthony    Kawasaki ZX-10RR                                                 
15    JEZEK Ondrej    Kawasaki ZX-10RR                                                 
16    RAMOS Román    Kawasaki ZX-10RR                                                 
17    ANDREOZZI Alessandro    Yamaha YZF R1                                                     
18    GAGNE Jake    Honda CBR1000RR                                                 
19    DE ROSA Raffaele    BMW S 1000 RR                                                 
20    TORRES Jordi    BMW S 1000 RR                                                     
21    BADOVINI Ayrton    Kawasaki ZX-10RR                                                      
22    LUSSIANA Matthieu    BMW S 1000 RR    

Superbike, Magny-Cours 2017: le dichiarazioni dei primi tre:

Johnny Rea: "Avevo fatto modifiche alla moto. In quel punto la differenza tra lo stare in piedi ed il cadere è dello 0.1%. Nell'ingresso in curva sono entrato sottocoppia e poi la coppia è arrivata in modo brusco e sono caduto. Ho comunque una ottima moto per la gara, dove in ogni caso occorrerà fare attenzione".

Leandro Mercado: "La Q1 mi ha aiutato, già stamattina avevamo buon feeling. Sulla pista c'è poco grip e tanta acqua. Sono molto contento… è la mia prima fila in SBK".

Tom Sykes: "E' incredibile essere qui. Grazie ai medici che mi hanno messo in condizione di correre a sole due settimane dall'operazione. Peccato per il bagnato, ma è comunque una possibilità. Sull'asciutto avevo un buon setup, adesso vedremo come andrà in gara".