Test Bridgestone Battlax Sport Touring T31

Più grip o maggiore durata? Un dilemma, fino ad un po' di tempo fa, per chi doveva scegliere un treno di gomme per una moto naked, turistica o sportiva che fosse. Inevitabile quindi un compromesso, che sacrificava una o l'altra caratteristica. Oggi, quello stesso compromesso è venuto decisamente meno con i nuovi pneumatici dedicati alle sport-tourer, che richiedono di coniugare i due aspetti inserendone un terzo, il miglior comportamento possibile sul bagnato, spesso avendo a che fare con potenze da supersportive pure.

Proprio in questo specifico segmento del mercato si è aggiunto, di recente, il Bridgestone Battlax Sport Touring T31. Siamo andati ad Ouarzazate, nel Sud del Marocco, su invito della casa giapponese, a saggiare le qualità del nuovo pneumatico, nell'ambito del lancio stampa internazionale che ha visto, in contemporanea, anche quello dei Battlax Adventure A41 (questo il nostro test).

La nuova gomma della casa giapponese va a ricoprire il ruolo di prodotto top di gamma per le sport-tourer ma, a differenza dell'A41, non sostituisce i precedenti modelli, andandosi a posizionare un gradino sopra al Battlax Sport Touring T30 Evo e due rispetto al Battlax BT023. In questo modo, l'offerta di Bridgestone si amplia, proponendo tre diversi prodotti.

La tecnica

Il Battlax Sport Touring T31 rappresenta una evoluzione, anche se il termine è largamente riduttivo, visto che si parla di un pneumatico completamente nuovo, rispetto al precedente T30 Evo. Come per il "cugino" A41, anche in questo caso i tecnici Bridgestone si sono focalizzati sull'obiettivo di aumentare le performance in termini di grip e sicurezza, specie sul bagnato ed in condizioni di basse temperature, senza però minimamente pregiudicare la durata.

Anche per i T31 sono quindi presenti la mescola a strati multipli (3LC) e la configurazione Cap&Base. Nel primo caso si tratta di una differenziazione della mescola (a tre strati) tra centro e spalla per quanto riguarda il posteriore (l'anteriore è monomescola), per offrire stabilità in frenata ed appoggio in piega, mentre la seconda dicitura sta ad indicare che le mescole superficiali sono più morbide di quelle interne, incaricate di dare rigidità al tutto.

Cambiano, analogamente all'A41, più rivolti al mondo adventure-tourer, i rapporti vuoti/pieni, che si incrementano sulla spalla per diminuire nell'area centrale, con quest'ultima che, all'anteriore, vede la presenza di scanalature più profonde, grazie alle quali aumentare la quantità di acqua scaricata, mentre al posteriore cambiano anche angolo e posizionamento delle scanalature. I blocchi rigidi di maggiori dimensioni concorrono a dare robustezza ed a ridurre gli spazi in frenata.

I Bridgestone Battlax Sport Touring T31 adottano la tecnologia MSB (MonoSpiral Belt), che consente di avere un'unica cintura, senza giunture e cuciture e permette di contenere il calore generato durante la rotazione del pneumatico. Un'altra tecnologia, la HTSPC, che consiste di 5 filamenti di acciaio distinti in un cavo MSB, distanziati ed intrecciati in un rivestimento in gomma, assicura tensione omogenea e costante.

Quest'ultima soluzione permette di fornire ottimi livelli di rigidità del pneumatico, flessibilità e assorbimento degli urti, oltre ad una grande maneggevolezza dovuta alla costante pressione di contatto. La gomma che fa da materiale isolante per i cavi previene l’ossidazione, riduce la generazione di calore e garantisce un’usura del pneumatico più omogenea insieme ad un maggiore chilometraggio.

Il lavoro dei tecnici giapponesi si è così tradotto in un aumento della superficie di contatto con l'asfalto, che arriva fino al 7% (ottenuta grazie alla tecnologia RC Polymer, che uniforma la distribuzione della silice e migliora la flessibilità del battistrada) e nella diminuzione della zona di slittamento, aspetti che comportano maggiore grip sul bagnato e migliore maneggevolezza sull'asciutto.

Restando ai numeri, il coefficiente di frizione sul bagnato segna un +3%, mentre il tempo sul giro, sempre in condizioni di bagnato, risulta inferiore del 3%, cosa che significa 3,6 secondi in meno su un tracciato che richiede 2 minuti di tempo per essere percorso. La riduzione della frizione molecolare abbassa infine la resistenza al rotolamento del pneumatico, che si traduce in una diminuzione dei consumi di carburante.

Come vanno

E' mattino e davanti al Berbere Palace di Ouarzazate c'è la ormai consueta parata di moto, allineate e pronte a partire. La flotta a disposizione è estremamente eterogenea ed alla fine vengono scelte le BMW R1200 R, R1200 RS ed S1000 XR, la Ducati Multistrada 950, la KTM 1290 Super Duke GT, la Honda VFR 800, la Suzuki GSX-S 1000F e la Yamaha Tracer 700, in rappresentanza di un ampio spettro di pesi, potenze e caratteristiche con le quali mettere alla prova i Battlax Sport Touring T31.

Decidiamo di iniziare sulla Tracer 700. Oggi l'itinerario sarà ovviamente tutto su asfalto, lungo un percorso di circa 325 km che calcherà, ad inizio e fine test, una parte del tratto stradale già percorso nel test degli A41, snodandosi sempre nell'area di Ouarzazate. La conoscenza della strada maturata nella giornata di test delle coperture adventure-tourer ed il tempo di riscaldamento quasi nullo T31, consentono di mettere alla frusta da subito le nuove nate della casa giapponese.

La piccola di casa Yamaha danza così leggera tra curve degne dei nostri migliori passi alpini ed appenninici, con i pneumatici che danno costante e consistente appoggio nonostante il fondo sia, a tratti, né perfetto, né pulitissimo. Il T31 è indubbiamente una gomma Bridgestone. Nel suo DNA infatti, oltre ad un ottimo grip, che consente di avere confidenza e fiducia fin dai primi metri, c'è la comunicatività che consente, a chi è in sella, di ricevere una grande quantità di informazioni durante la marcia.

I 75 cavalli del bicilindrico di Iwata non rappresentano certo il più severo banco di prova possibile per le nuove gomme Bridgestone, ma la totale mancanza di sistemi elettronici della tourer dei tre diapason sono quello che serve per poter dare manate di gas come se non ci fosse un domani in totale tranquillità, permettendo così di saggiare le qualità delle coperture giapponesi. In queste condizioni, il comportamento dei T31 è eccellente, con un avantreno solido ed un posteriore che non gli è assolutamente da meno, in entrata di curva così come in percorrenza, con un appoggio consistente.

Prima sosta e cambio di moto. Saliamo sulla Suzuki GSX-S 1000F. La potenza raddoppia, rispetto alla Tracer 700, ma le sensazioni rimangono le stesse, così come il feeling. La quattro cilindri di Hamamatsu ricalca fedelmente la filosofia più sport che tourer propria dei Battlax Touring T31. La sua rapidità intrinseca nell'affrontare i cambi di direzione viene esaltata dalle coperture.

L'assetto tendenzialmente rigido fa emergere la rigidità della coperture di Bridgestone, che passano a pieni voti anche l'esame che i 143 cavalli del 4 cilindri made in Hamamatsu le costringono a sostenere. Pur con il TC disinserito, il grip resta da riferimento. Chiaramente c'è qualche innesco in più di perdita di aderenza rispetto a prima, ma l'indole di "gran chiacchierona" propria delle gomme giapponesi fa sì che si venga avvertiti con largo anticipo del fatto che anche la fisica ha dei limiti.

Seconda sosta e nuovo cambio di mezzo. Questa volta sarà il motore della BMW R1200 RS a provare a mettere in crisi i Battlax Touring T31. Anche in questo caso, nonostante le bordate di coppia del grosso bicilindrico tedesco, la copertura giapponese non va in crisi, mettendo oltretutto in luce doti di rapidità forse insospettate ed insospettabili, per una gomma del segmento sport-tourer.

La strada scorre veloce, cambiano i paesaggi, ma non il giudizio che, anzi, viene sempre più avvalorato dal feeling trasmesso dalle nuove creature di Bridgestone. Per il quarto ed ultimo stint del test, scegliamo i semi-manubri della VFR, banco di prova ideale per verificare la capacità dei T31 di adattarsi alle moto old-school come quella dotata del V4 800 di Honda.

Alcuni passaggi su dei passi montani, tra cui uno davvero spettacolare, a livello di panorama, tra l'altro scelto per lo shooting fotografico, servono ad aggiungere i lunghi curvoni veloci al terreno ideale di caccia dei Bridgestone Battlax Sport Touring T31. Gli ultimi chilometri ed il rientro nella città di Ouarzazate vengono spesi a redigere mentalmente un bilancio delle nuove gomme del brand giapponese e che non può che essere positivo.

Conclusioni

La sintesi è performance e durata. Capaci di tempi di riscaldamento estremamente ridotti, rigide (ma non rumorose), le Bridgestone Battlax Sport Touring T31 sono in grado di offrire, oltre alle prestazioni, anche un comfort di buon livello. Il profilo tendente al tondeggiante, oltre a facilitare una discesa in piega costante, concorre nel dare al pilota un'elevata confidenza. La comunicatività, marchio di fabbrica di tutti i prodotti del marchio giapponese, fa il resto, consentendo di ricevere informazioni continue e con ampio anticipo, specialmente nel caso in cui si stia forzando la mano.

La solidità generale e l'ottimo grip offerto nelle condizioni del test (asfalto freddo mattutino ed a tratti non troppo pulito, piuttosto che temperature elevate al pomeriggio con asfalto ai limiti della perfezione nel pomeriggio) hanno permesso di tracciare il quadro di un pneumatico ai limiti dell'all-purpose su asfalto, per di più adatto ad uno spettro di moto davvero ampio, sia per le caratteristiche che per le misure in cui è disponibile.

Dovendola inquadrare a tutti i costi, si può affermare che il Bridgestone Battlax Touring T31 sia al 60% turistico ed al 40% sportivo, ma questi numeri non devono trarre in inganno, perché la preponderanza della prima definizione sulla seconda non è un demerito, anzi. L'attitudine al turismo c'è tutta, con il valore aggiunto della sportività, a cui poter ricorrere quando fa più comodo.

Nonostante l'impossibilità a testare le gomme sul bagnato, il passo avanti sull'asciutto rispetto ai pur validi modelli precedenti è percepibile e, per la proprietà transitiva, c'è da credere agli uomini Bridgestone quando affermano che la stessa cosa vale per l'impiego quando piove. Il nuovo top di gamma della casa giapponese ha tutte le carte in regola per essere il riferimento del segmento e non può non essere considerato se si è alla ricerca di un pneumatico per una sport-tourer.

Misure

Sono ben 22, le diverse misure con le quali il Bridgestone Battlax Sport Touring T31 è disponibile sul mercato. Per l'anteriore ne sono previste 10, che spaziano dai 17 ai 19 pollici di diametro, per larghezze di 110 e 120. Due di esse vengono prodotte nella variante GT, specificatamente dedicata alle grosse sport-tourer. Per il posteriore le misure sono 12 e vanno dai 150/70 ZR17 ai 190/55 ZR17 con, in questo caso, tre misure in specifica GT.

INFO

Luogo: Ouarzazate (Marocco) e zone limitrofe)

Si ringrazia Bridgestone per l'invito ed i partner per l'equipaggiamento tecnico fornito.
Casco: Caberg Tourmax Marathon
Giacca: SPIDI Warrior Tex Jacket
Pantaloni: SPIDI J&Racing
Guanti: Spidi Carbo Track Replica
Stivali: Prexport Sonic
Protezioni: SPIDI B&C

Partecipa alla discussione sul Forum.